Prima multa… e sortilegi…

 

il 17 novembre scorso fu proprio una giornata di quelle da dimenticare…e ancora oggi le sfighe di quel dì nefasto si ripresentano.

Ricordo ancora la dinamica di quell’inizio di giornata di me@#da, a partire dalla sveglia che non suonò, ad un guasto idrico che non mi permise di docciarmi, ascensore bloccato, batteria dell’auto a terra, sciopero dei mezzi pubblici.

Feci un respiro profondo e affrontai il freddo mattutino con la vespa per andare a lavoro.

E cosa mi arriva oggi? Una bella cartolina verde….. Comune di Roma bla bla bla…. Verbale di violazione del Codice della Strada bla bla bla…. il conducente del motoveicolo PiagVesp bla bla  Circolava nell’area riservata ai mezzi pubblici!  mancata contestazione per non intralciare il servizio pubblico di trasporto.

Firmato dall’accertatore Tonino C.

Ora non so se effettivamente sia vero che io abbia circolato nell’area riservata agli efficientissimi (ahahah..scusate) mezzi pubblici capitolini, poichè le strade di Roma non le conosco proprio ed è altamente probabile che io mi perda, ma generalmente guido a passo di lumaca, circa 30 km/h e nei casi di smarrimento riesco a raggiungere anche i 15 – 20 km/h prima di prendere una decisione su quale svolta imboccare per cui TONINO se avessi voluto contestarmi qualcosa potevi farlo direttamente lì sul posto, mi avresti raggiunto anche se tu fossi stato a piedi anzichè essere nascosto come un ninja dietro qualche cassonetto della spazzatura ( spero che sia passato il camion e ti abbia portato via).

Ho letto più volte il verbale che mi viene contestato ed è redatto bene, non posso avanzare ricorso ….ma se quel giorno avessi guidato una Star Deluxe sicuramente ne avrei avanzato uno, sostenendo che: sì è vero che la targa riportata appartiene al mio motociclo ma il mio motociclo non è quello indicato, cioè Piaggio Vespa, gli avrei mandato in allegato al ricorso copia del libretto di circolazione da dove si evince che la targa corrisponde ma di Piaggio nemmeno l’ombra….e tanti saluti a Tonino che può tornare al bar a rimpinzarsi di bombe alla crema e cappuccini.

Detto questo non mi resta che pagare entro 60 giorni ‘sti 81 euri  ma non prima di aver lanciato un sortilegio  a Tonino,  che a confronto l’Especto Patronum di Harry  Potter sembra  un giochino del mago Casanova.

Tonino… che ti possano mangiare i cani alsaziani, che ti possa scoppiare la biro ogni volta che annoti una targa (possibilmente di primo mattino) e che ti macchi la giacca, che tu possa trovare da ora in avanti al bar solo birre calde, caffè freddi e cornetti integrali vuoti … e supermaledizione: che tutte le volte che ti siedi al bagno tu possa scoprire di aver terminato la carta igienica….

 

 

________________________________________________

Aggiornamento del 06 Febbraio 2009, ore 08.05

E se fosse stata un’automobile o un motociclo nostro ad essere parcheggiato sulle strisce pedonali, in prossimità di un incrocio in una strada con divieto di accesso nelle ore di mercato ?

Ma su via… non puntiamo il dito contro questi presunti abusi d’autorità, d’altronde sono certo che avrebbero compreso che ci siamo fermati solo per un caffè! I vigili sono molto comprensivi e tolleranti.

Qualcuno vuole forse provare a parcheggiare così e smentirmi?

Share this:
Share this page via Email Share this page via Stumble Upon Share this page via Digg this Share this page via Facebook Share this page via Twitter

9 pensieri su “Prima multa… e sortilegi…

  1. Ma non ho parole, purtroppo se hai fatto l’infrazione nn ci sono scusanti.
    Dovresti cercare di capire che percorso hai fatto per confermare. Mi pare che gia scrivesti qualcosa sul blog in quella data, della sciarpa di lana non indossata etc etc.
    Su non te la prendere succede.
    Ciao Federico

  2. ho appena fatto una foto degna del premio Pulitzer: una stupenda fiat punto dei vigili in sosta sulle striscie pedonali, in prossimità di un incrocio, in una zona di divieto di transito quando c’è il mercato ( e c’era) …. di fronte al Bar!
    Non vedo l’ora di pubblicarla.

  3. alex… non ti incazzare
    calcola che a me hanno fatto la stessa multa col cammeo.
    solo che erano le 2.45 del mattino!!!
    gran pezzi di cacca, sai che traffico di mezzi pubblici a quell’ora

  4. Ragazzi ora non esaggeriamo, il codice della strada va rispettato punto. L’unica cosa che mi piacerebbe è che venisse fatto rispettare anche dai pizzardoni e altre forze dell’ordine, che sono le prime a commettere le peggio infrazioni senza una reale motivazione. Anche io non mi posso esimere di dire non faccio infrazioni, direi il falso, ma dentro Roma è normale-
    Ad esempio ci hanno insegnato a passare con il giallo, basta vedere con quello pedonale che è verde per pochi secondi e subito giallo, ovvio che tutti continuino ad attraversare visto che il giallo può durare parecchi minuti, ad esempio il quadrivia Candia – Giulio Cesare – e non mi ricordo la strada principale. Sono le piccole cose che fanno di un paese un qualcosa di civile o incivile. Quante volte vedo situazioni descritte da Alex e dobbiamo stare zitti.
    Purtroppo è realtà è questa.
    Ciao Federico

  5. Massima solidarietà.
    Io tempo fa ho preso una multa per eccesso di velocità (70km/h) in centro abitato… Pagata senza battere ciglio, anche se con molte perplessità, salvo scoprire poi che la postazione fissa che mi ha registrato è molto… chiacchierata e oggetto di numerose contestazioni.
    Sono ancora convinto che non andassi a 70 all’ora, anche perchè di solito in quel tratto c’è un po’ di traffico… e con ogni probabilità la postazione è stata … rivista per ‘ottimizzare’ gli introiti. Che schifo.

  6. loro sono i primi che non rispettano nullaaaa! io trovo spesso le volanti della polizia che camminano in strade con divieti d’accesso grandi come una macchina!!!! e vai con STRISCIA LA NOTIZIA

  7. Beh, a me hanno fatto nell’ordine queste multe in 3 anni:
    -“sosta al centro della carreggiata” al Pantheon, sotto un ponteggio che quando ho parcheggiato io era stracolmo, e quando sono tornato si era completamente svuotato, così, sebbene prima fosse in una zona di non transito dei veicoli, la mia Valentina (PX125E classe 1983) dava sfoggio di sé a tutti i passanti (e ai vigili) – 37€
    -“sosta in zona pedonale” dietro al cinema Reale di Trastevere, al ridosso di un marciapiedino per evitare l’ingresso degli autoveicoli, dove l’avevo lasciata per diminuire il rischio furti nella notte: di solito la metto in garage a casa, ma quella sera è venuto giù il diluvio universale e mi hanno riaccompagnato a casa. Il mattino alle 10 passo a prendere la mia bella e leggo che alle 9.30 sono passati due bambocci muniti di berretto bianco – 37€
    -“transito in corsia riservata ai mezzi pubblici” VARCO 77. Chi è di Roma sa cosa sia qual varco: via dei Serpenti, mort@#ci loro! Una via transitabilissima con varco elettronico per la ZTL, diventata unica corsia per BUS in ingresso ll’insaputa di tutti e segnalata quasi apposta per le multe! – come te, 81€
    -Ora sono in attesa di una probabile multa sulla circonvallazione Cornelia, per lo stesso motivo: non vado mai sulle corsie preferenziali, vado sempre a 50 in città, mi fermo al giallo, faccio passare i pedoni ecc. Ho superato un piccolissimo ingorgo sulla destra e nel momento che passo scorgo una spira elettromagnetica interrata e in attimi di panico guardo nello specchietto: ebbene sì, una fantastica telecamera che sta guardando la mia targa. MA STAVOLTA NON MI FREGANO! ho fatto un sacco di foto per dimostrare che non è segnalato! AHHAHAH Tonino stavolta ti attacchi! Muahahahah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *